Workshop Completo di Macro-Fotografia: teoria e pratica: 18 / 19 Maggio 2024

A proposito di insolite prospettive e di “punto di vista fotografico”. Nikon D810; Sigma 15 2,8 Fish Eye. Fotocamera appoggiata a terra e scatto con “autoscatto” per non essere presente nell’inquadratura. La difficoltà maggiore? Piazzare la fotocamera, e mettere a fuoco il fiore in primo piano.

QUANDO

Primo giorno – sabato 18 maggio:

Dalle 14:00 alle 17:00: Lezione di teoria in aula, con approccio pratico

Secondo giorno – domenica 19 maggio:

Dalle 10:00 alle 14:00: Uscita fotografica nel Parco del Ticino, tanto poi si sfora…

DOVE:

Teoria in aula: Boffalora Sopra Ticino (Mi)

Uscita pratica: Boschi del Parco del Ticino

PREZZO:

140 € 

MACRO FOTOGRAFIA: Slow Photography, quarta edizione…tutto ciò che è piccolo…

Disponibile anche come workshop individuale: contattami, per informazioni ed esigenze

Cesare Re; recesar@libero.it   3339359262

 

ISCRIVITI ADESSO!

Programma

Cos’è la macrofotografia

– macro e Close Up
– rapporto di riproduzione

I soggetti

– fiori
– petali
– pistilli
– foglie
– gocce d’acqua
– insetti
– superfici – Texture: naturali, artificiali
– “table – top photography”

Quale macchina fotografica ?

– reflex, mirrorless, compatte

Obiettivi e obiettivi macro

– diverse focali e loro utilizzo
– macro col grandangolo

Accessori utili o indispensabili

– tubi di prolunga e moltiplicatore di focale
– soffietto
– lenti addizionali
– slitta micrometrica
– scatto flessibile
– telecomando

Treppiede e monopiede

– pregi e difetti delle due soluzioni
– quale treppiede e quale testa
– peso e utilizzo
– altezza dal suolo

Flash, luce ambiente e pannelli riflettenti

– il flash nella macro
– sfruttare la luce naturale
– orientare la luce con un pannello

Tecnica di ripresa e “trucchi fotografici”

– punto di ripresa
– scelta dello sfondo
– la variabile della distanza
– lo studio della profondità di campo


Nikon D800; Nikkor 70-200 AFs f4; Afs 1,4; f 16, 1/120, iso 400; flash sb600. Niente male direi…alla focale di 200 mm, con il moltiplicatore si raggiungono i 280 mm, si aumenta l’ingrandimento, mentre la distanza minima di messa a fuoco rimane invariata. L’alternativa sarebbe stato l’utilizzo di un 200 mm o 180 macro, pesante e meno versatile.

La foto di destra altro non è che l’ingrandimento esasperato di un fiore presente nella foto di sinistra. La foto è scattata interponendo il soffietto Nikon PB 6, tra la Nikon D800 e il Micro Nikkor da 60 mm. Per agganciare “fisicamente” la reflex al soffietto, è stato necessario aggiungere un tubo di prolunga. Altrimenti non sarebbe stato possibile l’abbinamento per una questione di dimensioni dell’impugnatura del corpo macchina che creavano un impedimento fisico all’aggancio. Iso 100; f 22. Il tempo di posa è il syncro flash 1/250 di secondo, in modo da diminuire problemi di mosso. Per questo lo sfondo è venuto scuro. La luce ambiente è stata sovrastata da quella del lampo. Il Flash è stato posto molto vicino al soggetto, in quanto l’assorbimento di luminosità del soffietto era veramente notevole.

Esempio di versatilità del Nikkor 70-180 AFd, micro, 4,5/5,6. Utilizzabile come normale tele zoom, per foto all’infinito, è un vero e proprio macro, con rapporto di riproduzione di 1:1.3, praticamente quasi 1:1, come gli altri AF micro Nikkor, a focale fissa: 60 f 2,8, 105 f 2,8 e 200 f 4. f 16, 1/250; iso 100; flash sb 600, separato dalla fotocamera, con cavo sc 17.

Contatti: Cesare Re; recesar@libero.it   3339359262

www.recesare.com 

 

Recent Work